Home » Il Parco naturalistico archeologico di Vulci

Il Parco naturalistico archeologico di Vulci

Una straordinaria avventura archeologica ambientale

Il Parco Naturalistico Archeologico di Vulci è un’affascinante integrazione tra un incontaminato paesaggio maremmano ed imponenti resti archeologici di quello che fu uno dei più importanti centri dell’Etruria Antica. Scegliendo un itinerario fra i tanti possibili, si può entrare in un mondo che già stupì i grandi viaggiatori dell’ottocento, ripercorrendo ambienti naturali nella loro integrità.

La singolarità del Parco consiste nel presentare un panorama completo: città etrusco e romana, necropoli, agro pressoché incontaminato, museo dei reperti vulcenti nel Castello della Badia con il maestoso Ponte sul fiume Fiora, uno dei monumenti che più affascinano il pubblico. Da non perdere la tomba François, monumento tra i più famosi della civiltà etrusca, nonché la Cuccumella: tumulo funerario di imponenti dimensioni.

Vi suggeriamo di seguire i sentieri che si inoltrano nel paesaggio attraversato dal Fiume Fiora che aprendosi un varco tra le rocce vulcaniche si tuffa nel limpido laghetto del Pellicone in un ambiente di rara suggestione. Potrete vivere da protagonisti una esperienza unica per contenuti culturali e naturalistici. Da non dimenticare i prodotti particolari che questa terra offre e che potranno essere degustati presso il panoramico Casaletto del Parco di Vulci. Il Parco è aperto tutti i giorni. Ci sono aree di sosta attrezzate e la possibilità di prenotare visite guidate al Parco, agli scavi, alle necropoli, al laboratorio di restauro.

Per informazioni:
Tel. +39 0766-879729 oppure +39 0766-89298
sito web: www.vulci.it
e-mail: info@vulci.it
 

Fonte:  Guide per aree - Tuscia Maremma Laziale - A cura di APT  Azienda di Promozione Turistica delle Provincia di Viterbo

Località

Itinerari correlati

    Vedi tutti

    Copyright 2012 - LAZIO un antico cammino tra terra e mare
    Autorità Portuale di Civitavecchia Fiumicino Gaeta - Euromedia S.r.l. - Tutti i diritti sono riservati